On a cloud

 

copertina logo_on a cloud OK

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Diana Torti: voice, compositions, arrangements

Sabino de Bari: classical guitar, compositions, arrangements

ed. Slam Productions

 

Credits

Where to buy it:   SLAM Productions        Amazon       JazzCDs

 

“On a Cloud” is a project born during a passionate music and vocal research focused on the figure of Jeanne Lee, wonderful singer of the avant-garde Jazz. She has been a courageous artist and pioneer of an innovative way of singing in Jazz music starting from the Sixties. The CD will be released on the occasion of the celebration of the 80th anniversary of her birth in January 2019 in homage to this extraordinary musician and poetess.

The repertoire draws on standards, improvisations and original compositions inspired by Jeanne Lee’s world of sounds. The choice of the duo, voice and classical guitar, is an ideal dimension to re-elaborate the poetic, refined and intimate atmosphere of Lee’s music.
The ensemble that includes besides me (voice) also the guitarist and composer Sabino de Bari (classical guitar), has over time developed and matured a consolidated artistic alchemy. In our music both improvisation and composition are experienced as an expressive possibility out of any stylistic connotation. Timbres, words, noises and breaths merge, chase or dance together freely, to evoke suggestions and sound images.

 

Reviews

“When Italian singer Diana Torti first heard Jeanne Lee she had an epiphany: singers could explore the uncharted terrain of free material too. Torti, an imaginative improviser who responds easily to musical impulse in the moment, just released her sixth album, On A Cloud (SLAM), featuring classical guitarist Sabino de Bari accompanying her on standards (“Honeysuckle Rose”) and originals inspired by Lee’s work (“Fireflies”). Torti’s fresh sound—open and lilting— pays a notable homage to Lee’s vocal tradition in what would have been the singer and poet’s 80th birthday year. In explaining her fascination with Lee, Torti writes, ‘We should revisit her story, hoping to see the reissue of some of the albums where she has collaborated—the beauty of sharing will be enriched with further treasures.’ Torti’s new release goes a long way toward that enrichment.” (March 2019)

“Quando la cantante italiana Diana Torti ha ascoltato per la prima volta Jeanne Lee ha avuto un’intuizione: i cantanti potevano inoltrarsi anche nel territorio inesplorato del Free. La Torti, un’improvvisatrice creativa che risponde agevolmente agli stimoli musicali del momento, ha appena pubblicato il suo album, On A Cloud (Slam) con il chitarrista Sabino de Bari che l’accompagna su standards (“Honeysuckle Rose”) e composizioni originali ispirate al lavoro della Lee (“Fireflies”). Il suono fresco e vivace, sia ritmicamente che nelle melodie, della Torti rende un notevole omaggio alla tradizione vocale della Lee in quello che sarebbe stato l’ottantesimo compleanno della cantante e poetessa. Spiegando il suo interesse per la Lee, Torti scrive: ‘Una storia che si consiglia di ripercorrere, sperando di poter al più presto vedere ristampati alcuni degli album nei quali ha collaborato: la bellezza della condivisione si arricchirebbe di un tesoro in più.’ La nuova pubblicazione della Torti ha percorso una buona parte di strada verso quell’arricchimento.”

Suzanne Lorge – The New York City Jazz Record

 

 

“Singer, and also a psychologist, Diana Torti has long decided to dedicate herself, in the midst of her other projects and activities, to the music of Jeanne Lee, the late African-American singer who brought jazz singing to the vanguard. On the occasion of the eightieth birthday, this record has appeared, which is also a dedication made with respect and admiration. We met Diana on the same record company, Slam Productions, as a sideman by Lucia Iannello, now we find her in a duo with Sabino de Bari on classical guitar. Some of the songs performed are standard taken from Lee’s repertoire together with In These Last Days written by her, three songs are from the Italian singer, one of the guitarist and one written together. Obviously here we are looking for the most avant-garde side in performances, vocalizations, special effects of voice and guitar. The result is a very special incision, between composition and improvisation, with many references to the sounds of the avant-gardes, of whatever type they are. From one piece to another, from the standard to the original brought to the studio by the performers, we notice this desire for research, to do something new.” (20th January 2019)

Vittorio Lo Conte – MUSICZOOM

 

“The vocalist Diana Torti tells: “The first time that I heard Jeanne Lee’s voice I felt like I was on a cloud”. The phrase was originally told her by Jeanne Lee’s daughter, talking about relationship with her mother. And a vaporous cloud of wonder without fear of crossing avant-garde lands is Torti’s recording for her, On a cloud, which travels accompanied only by Sabino de Bari’s classic guitar inventiveness, published by Slam Records on the occasion of the celebration of the 80th anniversary of Lee’s birth.”  (16th February 2019)

“Racconta la vocalist Diana Torti : “La prima volta che ho sentito la voce di Jeanne Lee mi sono sentita su una nuvola”. La frase le era stata detta in origine dalla figlia stessa di Jeanne, parlando dei rapporti con sua madre. E una nuvola vaporosa di meraviglia senza paura di attraversare anche terre d’avanguardia è il disco di Torti per lei, On a cloud, che viaggia accompagnata solo dall’inventiva chitarra classica di Sabino de Bari, pubblicato da Slam Records in occasione di quello che sarebbe stato l’ottantesimo compleanno di Lee.”

Guido Festinese – Alias “il manifesto”
 

“It was a relief to open the gatefold halfway through listening to this and encountering the name of Jeanne Lee, since that is exactly what I had been thinking since the first few uncanny measures of “Misterioso”. The title is taken from a comment by Jeanne’s daughter Cavana, who said that’s how she felt when she first heard her mother sing. The Newest Sound Around recordings Lee made with Ran Blake have been in circulation again, which makes this music seem all the more urgently of the moment. Torti and her collaborator – interesting to hear a guitar rather than piano accompaniment – have gone right to the heart of the Lee/Blake collaboration, with its nourish intimacies and brave harmonic manoeuvres.

I was taken aback by “Raskolnikov”, which offers an unusual sense of Dostoevsky’s anti-hero, if that, indeed, was the intention, but forget the title and it’s a dazzling vocal performance over a wonderful low, burbling line from de Bari. I love to distraction Mal Waldron’s “The Seagulls of Kristiansund”, so was delighted to hear arrangement of another musician who understood singers inside out. Jeanne Lee’s own “In These Last Days” (you maybe know the version with Andrew Cyrille and Jimmy Lyons) was a super-brave choice and she pulls it off magnificently. Likewise her own titular tribute.

But the wonder of this set, heard a second and third time, is the sheer range of sound de Bari gets out of his classical guitar, which seems to have as many tonal and textural personalities as there are songs here. He has it sounding like a bass, a plucked cello, a piano, a flamenco guitar, all within a few minutes; astonishing.

Not your average chanteuse album and not a Broadway song in sight. Don’t miss out on it because of that. It’s worth an hour of anyone’s time.”  (8th March 2019)

Brian Morton – Jazz Journal

 

Italian translation (Brian Morton – Jazz Journal):

“È stato un sollievo aprire il pieghevole della copertina, mentre lo stavo ascoltando, e vedere il nome di Jeanne Lee, poiché era esattamente quello a cui stavo pensando sin dalle prime sorprendenti misure di “Misterioso”. Il titolo dell’album è tratto da un commento di Cavana, figlia di Jeanne, che ha raccontato che rappresentava quello che provava quando sentiva la mamma cantare. Le registrazioni fatte per “The Newest Sound Around” realizzato dalla Lee con Ran Blake sono di nuovo in circolazione, cosa che fa sembrare questa musica ancor più urgente in questo momento. Torti e il suo collaboratore – interessante ascoltare l’accompagnamento di una chitarra piuttosto che del pianoforte – sono andati dritti al cuore della collaborazione Lee / Blake, con la loro intesa profonda e le coraggiose soluzioni armoniche.

Sono rimasto davvero sorpreso da “Raskolnikov”, che offre un insolito senso dell’anti-eroe di Dostoevskij, qualora questa fosse in effetti l’intenzione, ma dimentica il titolo ed è una impressionante performance vocale su una meravigliosa linea bassa e gorgogliante di de Bari. Amo alla follia “The Seagulls of Kristiansund” di Mal Waldron, quindi sono stato felice di ascoltare un arrangiamento di un altro musicista che capiva i cantanti così profondamente. “In These Last Days” di Jeanne Lee (forse conoscete la versione con Andrew Cyrille e Jimmy Lyons) è stata una scelta super coraggiosa e qui lei l’ha eseguita magnificamente. Altrettanto vale per il suo personale tributo che dà il titolo all’album. Ma la meraviglia di questa sequenza di brani, ascoltata una seconda e una terza volta ancora, è l’ampia gamma di suoni di de Bari che fa uscire dalla sua chitarra classica, che sembra avere tante personalità timbriche e di trame musicali quanti sono i brani. Ha suonato come un basso, un violoncello in pizzicato, un pianoforte, una chitarra flamenca, tutto in pochi minuti; sorprendente.

Non è l’album della cantante che mediamente ti aspetteresti di ascoltare e non c’è l’ombra di una canzone di Broadway. E’ da non perdere proprio per questo. Vale la pena, da parte di chiunque, dedicare un’ora di tempo per ascoltarlo.”

 

“On a Cloud”: Jeanne Lee rivive della musica di Diana Torti

“On a cloud”, il disco di Diana Torti, uscito quest’anno per la Slam Production, prende le mosse dalla ricerca che ha animato la musica di Jeanne Lee, proprio in occasione di quello che sarebbe stato il suo ottantesimo compleanno. La presenza di Jeanne Lee nel disco non dipende soltanto dal fatto che alcuni dei brani del disco sono presi dal repertorio della cantante e poetessa afroamericana. Ciò che attraversa l’intero percorso musicale del disco è una tensione verso l’alterità, che si esprime entro l’orizzonte musicale.

La voce di Diana Torti, infatti, si fonde alla musica della chitarra di Sabino de Bari, entro un orizzonte in cui le parole si caricano di senso oltre il proprio significato, stili e significati si contaminano e diventano altro da sé. Sperimentazione e avanguardie, allora, in un’audacia creativa che sfugge ad ogni nostalgia, e che attinge ai significati e alle sonorità preesistenti per decostruirle, risignificarle, riassemblarle, proiettandole verso nuovi ambiti di senso.

Del resto, è stata questa la sfida più grande di Jeanne Lee: partire dalla poesia e dal testo per perdersi nella musica, esperendo nuove dimensioni in cui armonia e parole si fondono, improvvisando e andando al di là di sé e dei presupposti iniziali. Alla base la coscienza, probabilmente, che il linguaggio non è un sistema assoluto e inscalfibile, ma una grammatica dalle molteplici dimensioni e dalle potenzialità inedite. Voce, linguaggio e suono, allora, divengono dimensioni in comunicazione permanente, produttive di nuove esperienze. Riecheggiano forse qui alcuni temi che hanno animato anche lo straordinario percorso di Demetrio Stratos, pur entro contesti radicalmente differenti.

In questo quadro, le ricerche di Jeanne Lee non possono essere separate dalla sua sensibilità, che si è espressa anche in un impegno civile e politico coerente con le rivendicazioni collettive degli afroamericani, soprattutto negli anni ’60 e ’70.

La musica di Diana è avvolgente, ti porta con sé verso dimensioni inedite, facendoti perdere dentro sonorità fluttuanti e impalpabili, per farti poi ritrovare nelle parole, che nel frattempo hanno assunto tutt’altro senso, in un gioco di riflessi e contaminazione.

Diana Torti ci restituisce questa tensione, e ci porta, insieme a Sabino De Bari, in una condizione di leggerezza, nella quale tutto è soggetto ad essere messo in discussione, e in cui prendiamo a fluttuare, sperimentando il movimento verso altri orizzonti come modo di stare al mondo. Proprio come la nuvola su cui si sentiva la figlia di Jeanne Lee quando la madre le solleticava i piedi per svegliarla. (22 Aprile 2019)

Giacomo Pisani – Il surfista di Malibù, L’Espresso

 

“Sempre in duo con una chitarra classica (Sabino De Bari) si snoda il nuovo album della cantante Diana Torti (non Torto, attenzione: sono due artiste diverse), On a Cloud (Slam), fra brani originali e rivisitazioni di altre cantanti (Abbey Lincoln, Jeanne Lee) e pianisti (Monk, Waldron, Fats Waller). Il clima è assorto, concentrato, di un’eleganza ricercata anche proprio nel senso di incline alla sperimentazione, con qualche inflessione (specie sul finale) verso una forma più prossima alla song in quanto tale.” (Aprile 2019)

Alberto Bazzurro, L’isola che non c’è

 

Talvolta alcuni musicisti temono di intraprendere strade musicali malagevoli, in favore di percorsi assai più comodi, oleografici, con ogni probabilità per riscuotere più facilmente i consensi del pubblico.

Questa considerazione non è per nulla riconducibile all’estrosa cantante/compositrice Diana Torti e all’ardimentoso chitarrista/compositore Sabino de Bari, entrambi autori di un progetto discografico piuttosto singolare, di notevole interesse, intitolato “On a cloud”.
In questo CD figurano dieci brani, di cui “The Man Of The Sea”, “On A Cloud” (nona traccia del disco) e “Cavalcando” partoriti dall’ubertosità compositiva della vocalist, mentre “Misterioso” (Thelonious Monk, Gertrude Stein e Diana Torti), “Straight Ahead” (Abbey Lincoln), “Raskòlnikov” (Sabino de Bari), “In These Last Days” (Jeanne Lee), “The Seagulls Of Kristiansund” (Mal Waldron), “Honeysuckle Rose” (Fats Waller) e “Fireflies” (Diana Torti – Sabino de Bari) completano la tracklist. Il mood di “Raskòlnikov” è magnetico. Il vocalese tensivo e il peculiare scat di Diana Torti lasciano con il fiato sospeso, supportati dal comping ricco, stimolante e fantasioso cesellato da de Bari. “The Man Of The Sea” è una composizione caratterizzata da un climax criptico. Qui la vocalist alterna in modo egregio lo spoken word al cantato, dando vita a un’interpretazione tendenzialmente teatrale, locupletata da sfumature timbriche e intervalli di eccellente fattura.
Di chiarissima impronta free e avant-garde jazz, “On a cloud” è un album pregno di maliardi intrecci armonici, incardinato su una costante ricerca di un verace interplay. Un disco che rappresenta un’inclita sinossi dell’improvvisazione estemporanea, quella frutto (realmente) dell’ispirazione e della creatività del momento. (20 Aprile 2019)

Stefano Dentice, Romainjazz

 

 

I last encountered Diana Torti on Lucia Ianniello’s Live at Acuto Jazz, which I reviewed enthusiastically in December 2017.  I described the music as ‘hugely melodious’ and I must say that the vocalist has grown her musical stature at that time into something enormous.

She has in fact taken on, with On a Cloud, a tribute to avant-garde jazz singer Jeanne Lee, some tracks drawing from Jeanne Lee herself, Abbey Lincoln, Monk, Mal Waldron and Fats Waller.  Here, Monk’s Misterioso also recalls his acknowledgement to Gertrude Stein’s poetry, as well as Torti’s own credit to Lee, who recorded the same with pianist Ran Blake.  She even performed it solo, live, at Jazz at Entermedia, a three‐night festival at the Entermedia Theatre, NY, led by Don Cherry.  The New York Times wrote (March 4, 1979):

‘Jeanne Lee’s solo set was quiet, but spellbinding. The highlight was the remarkable version of Thelonious Monk’s difficult “Misterioso,” sung with exquisite intonation using a text by Gertrude Stein.’

It is a very fine challenge that Torti has attempted and she has prevailed with it, brilliantly.

The unusual accompaniment by classical guitar adds volumes to the already extended range of vocal sounds, mellifluous and open, which Torti employs,using her voice more as an instrument.  She’ll be spirited, articulate and resonant one moment, shadowy and bottomless the next.  Together they are both amiably playful and gravely intimate, their individual interpretations of the songs giving them both ownership.

Ultimately though, her enthralling voice and phenomenal technique claim the album for Torti’s accolade. (04/05/2019)

Ken Cheetham,  jazzviews